Lino Baccarini


Gonzaga (Mn), 06/12/1893

Nato a Gonzaga (Mantova) il 6 dicembre 1893, vive a Milano. Allievo dell'Accademia di Brera a Milano, studiò sotto la guida di Cesare Tallone e di Giuseppe Mentessi. Il suo primo quadro fu esposto alla Biennale di Brera nel 1918. Ha partecipato alle principali esposizioni italiane come le Biennali di Brera, Amatori e Cultori a Roma, Biennali di Napoli e al Salone di Parigi nel 1928. Alla Mostra di ritratto femminile a Monza nel 1924, ha partecipato con le opere: Ritratti delle signore Li Greci; Salvioni; Maltecca. Il quadro Mio padre esposto alla Famiglia Artistica fu premiato con medaglia d'oro del premio Alciati.
Uscì dall'Accademia con la pensione Hayez ed il premio Bozzi Caimi ed in seguito gli fu assegnato un premio al concorso per la pensione Oggioni. Ha eseguito il ritratto di Gilda Della Rizza, del prof. Emilio Alfieri, della signora Bianca Stacchini, della contessina Anna Visconti di Modrone in costume gazzanese e di altre personalità. La sua pittura è moderna senza peraltro eccessive deviazioni dai canoni tradizionali; nel ritratto, invece, avendo il soggetto prestabilito, egli non sempre riesce ad affermare con compiutezza il proprio temperamento.

Nel 1930 tenne con successo una personale a Buenos Aires, successivamente espose alla Biennale di Venezia e ordinò personali a Milano (Galleria Pesaro, Dedalo, Galleria d'Arte Moderna), Fu assistente all'accademia di Brera. Otto suoi dipinti sono conservati nelle Raccolte d'Arte dell'Ospedale Maggiore di Milano, un suo Autoritratto è nelle collezioni dell'Accademia di Brera a Milano,  ove si trova anche il dipinto Nudo Femminile ed i dipinti Ritratto femminile e Nudo femminile, sono conservati sempre a Milano,  nella raccolta dell'Azienda di Servizi alla persona Istituti Milanesi Martinitt e Pio Albergo Trivulzio.

(A. M. Comanducci)