Pillole d'Arte

    
Autori   |   Opere   |   Documenti   |   Bibliografia   |   Contatti   |   Esci

 

Libero Andreotti




Pescia, 15/06/1875 - Firenze, 04/04/1933

Nacque a Pescia il 15 giugno 1875. Dopo una breve permanenza a Palermo si stabilý nel 1899 a Firenze, dove trov˛ modesta occupazione in una tipografia e inizi˛ (nel 1902) a modellare in creta nello studio di Mario Galli, che gli aveva dato ospitalitÓ. Espose per la prima volta a Venezia nel 1905; l'anno seguente, a Milano, la sua opera interess˛ vivamente il mercante d'arte A. Grubicy; dal 1909 al 1914 a Parigi espose con successo al Salon d'Automne e alla GalÚrie Bernheim Jeune. Proprio a Parigi, caduta ogni traccia di giovanili esperienze impressionistiche, matur˛ nell'Andreotti quella ricerca della compattezza nella massa plastica, che Ŕ costante della sua arte e si accompagna a un senso della bellezza tradizionale della forma, esente, per˛, dai coevi e comuni contenutismi letterari. G. Apollinaire (L'Opinion, 29 apr. 1911) scriveva che l'Andreotti aveva rinnovata l'arte italiana della medaglia. Del periodo parigino si ricordano (entrambe del 1912) la Donna con i cembali e una Danzatrice (sala di musica di casa Ch. Sterne a Parigi), sensibile ad echi della scultura di A. Maillol, e il gruppo in bronzo di Diana ed Atteone, commissionato da Ph. Sassoon nel 1914 (oggi conservato a Firenze, nella villa de Marinis).

Rientr˛ in Italia nel 1914 e partecip˛ alla prima guerra mondiale. Stabilitosi a Firenze, dal 1920 insegn˛ plastica al Regio Istituto d'arte e fu a capo del cenacolo detto "dell'Antico Fattore". La sua produzione di questi anni, in marmo e in bronzo, fu abbondante e risente, pur attraverso una certa stilizzazione, della formazione classico-accademica. Ricordiamo tra l'altro: il monumento ai Caduti di Roncade (1922), il monumento ai Caduti di Saronno (1924), il monumento alla Madre Italiana in Santa Croce a Firenze (1924-1-925), il Cristo risorto nell'Arco della Vittoria a Bolzano (1928) e il gruppo di Africo e Mensola (Roma, Galleria naz. d'arte moderna, 1933). Morý a Firenze il 4 aprile 1933.

Le opere dell'Andreotti, che hanno esercitato ampia e diffusa influenza sulla scultura italiana, si trovano in gallerie d'arte moderna italiane (Firenze, Venezia, Milano, Torino, Ricci Oddi di Piacenza) ed estere (Nantes, Budapest, Vienna, Minneapolis, Honolulu, Lima). Un notevole gruppo di bronzi e marmi sono ancora presso i figli, a Firenze, dove si trovano anche i bozzetti inediti del monumento ai Caduti di Milano e numerosi modelli. Un gruppo di suoi disegni sono al Gabinetto disegni e stampe di Firenze, altri al Museo d'arte moderna a Mosca, altri in collezioni private (Ojetti, T. De Marinis, A. Carpi, B. Cicognani) e presso la famiglia.

(Isa Belli Barsali - Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 3 - 1961)