Pillole d'Arte

 
 
Home  |  Chiudi  

 
(Fonte : Emporium - nr 265 - Gennaio 1917)

SERAFINO MACCHIATI (in memoriam)


A Parigi, dov'era stabilito dal 1898, e morto il 12 dicembre il notissimo pittore illustratore Serafino Macchiati.
Era nato a Camerino nel 1860 ed aveva da prima dimostrato il suo talento di disegnatore lavorando per case editrici milanesi e per la Tribuna Illustrata.
Invitato a Parigi dall'editore Lemerre, ebbe l'incarico di illustrare un romanzo di Paul Bourget, ed acquistò subito la più larga notorietà e la più viva simpatia nel popolo francese. I romanzi a soggetto contemporaneo e ad ambiente mondano di Bourget, di Marcel Prévost e di altri scrittori del genere ebbero in lui un interprete fine e brillantissimo.

Dotato di gran distinzione di gusto e di precisa eleganza di segno, seppe tradurre con efficacia e con leggiadria tutti gli aspetti
della mondanità contemporanea.

Le sue illustrazioni non danno il senso pittorico del quadro, come composizione e come macchia : sono vere e proprie vignette, ma moltissime di esse appaiono, come tali, dei piccoli capolavori, per lo spirito che anima la scena, per la penetrazione del carattere delle figure, per la naturalezza dagli atteggiamenti e delle espressioni.
Lo studio e l'osservazione costante e analitica del vero è palese nella grande varietà dei tipi e nella loro sicura individuazione, per cui l'opera del Macchiati va considerata, nel suo complesso, una interessantissima raccolta di vivacissimi documenti dell'ambiente parigino.

Per molti anni egli fu apprezzatissimo collaboratore artistico di riviste d'attualità francesi e tedesche. Recentemente fu collocato un suo quadro nella sala italiana del Museo del Lussemburgo.
E doloroso che questo abilissimo artista non abbia trovato in patria quella fortuna che le sue brillanti qualità gli hanno poi assicurato all'estero.

L'Emporium ha pubblicato un profilo dell'artista ora scomparso nel fascicolo d'ottobre del 1904.