Bortoluzzi Pietro Bianco (Pieretto Bianco)

Trieste, 28/08/1875 - Bologna, 07/03/1937

Nato a Trieste il 28 agosto 1875, morto a Bologna il 7 marzo 1937. Ha studiato nell'Istituto di Belle Arti di Venezia, ma si è formato soprattutto da sé, anche in scenografia, che iniziò già da professionista al Metro politan Opera House di New York nel 1916.

Ha trattato e tratta il quadro di genere e il paesaggio, specialmente quello dei sobborghi poveri di Venezia e delle isole, con fresche armonie. Fu scenografo al Teatro Reale dell'Opera di Roma.

Opere: "Mattino di settembre", in raccolta privata a Boston; "La casa bleu", nel Museo Revoltella di Trieste; "San Marco in festa", "La caffettiera", nel Museo d'Arte Moderna di Madrid; "Ponte Vecchio"; "Canale a Venezia"; "Paese di pescatori in tre visioni"; "Il risveglio di Venezia", quattordici grandi pannelli esposti a Venezia nel 1912; "Il trionfo di Roma", pannello decorativo premiato a San Francisco di California, adornante il salone di ricevimento del Padiglione Italiano; "Campidoglio" e "Torpediniera", nel Museo Mussolini; "Burano", nella Galleria d'Arte Moderna di Roma, "Mesti ricordi", nel Museo Marangoni di Udine; "Autoritratto" nella Galleria degli Uffizi a Firenze; "Interno di San Marco", nel Museo di Magdeburgo.

Eseguì un mosaico ed un affresco per la Cappella gentilizia del principe Doria Pamphili a Roma nel 1914; scenari per i principali teatri in Italia e all'estero; pannelli decorativi a New York e all'Havana.

(A. M. Comanducci)