Ruggero Panerai


Firenze, 19/03/1862 - Parigi, 27/10/1923

Di umilissima origine, tanto che fino ai quindici anni lavorò come falegname, frequentò l'Accademia fiorentina, poi lo studio di Giovanni Fattori, del quale imitò i soggetti - cavalli, pecore butteri - se non la tecnica.

Buoni e lodati furono i suoi primi lavori: Il guado, che apparve nel 1887 all'Esposizione di Venezia; Il cavallo malato tela con la quale nello stesso anno l'autore vinse a Milano il premio Fumagalli, e che fu acquistata da Ernesto Rossi; Mazzeppa, che, esposto a Bologna nel 1888 meritò al Panerai la nomina a professore in quell'Accademia; Una stalla di mucche, presentato alla Promotrice fiorentina del 1890; Una sera, premiato a Firenze nel 1892.

Poi l'artista, che era così ben incamminato sulla via di una fama sicura, preferì dedicarsi al più lucroso quadro di genere con soggetto settecentesco. La Galleria d'Arte Moderna di Milano conserva di lui Butteri in Maremma. Il suo dipinto Pineta è conservato presso la Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza.

Da A. M. Comanducci (Ed. 1962)